Safeword e sicurezza nel BDSM | Red Rope

Le safeword e le safe gesture nel bdsm e non solo

La sicurezza nella sessione: quando dire basta non basta

Quando parliamo di consenso gli animi si infervorano sempre, ma il più grande scoglio è di tipo comunicativo. Questa problematica si crea in qualsiasi rapporto umano, non per forza sessuale.

Difatti uno dei più grandi equivoci del praticare durante una sessione, ma anche durante il sesso “tradizionale” è la mala interpretazione dei gesti e delle parole, quali l’espressione del consenso durante il gioco, o, viceversa, il suo diniego.

Questo accade perché nel nostro linguaggio, parole come “no” e “basta” sono piuttosto istintive, e possono essere pronunciate d’istinto nel momento in cui qualcosa ci spaventa. Allo stesso modo, una contrazione muscolare dovuta ad un impatto non implica che il dolore ricevuto sia stato eccessivo al punto da voler chiudere una sessione, bensì potrebbe voler indicare il continuare su quello stile di gioco.

Durante gli anni sono create delle vere e proprie metodologie di lavoro, dei framework, all’interno del bdsm per cercare di aumentare al massimo la comunicazione e limitare al minimo i danni (intesi come violenze, abusi o errori). Ci sono più filosofie riguardo a questi framework, ma alla fine tutti hanno dei punti in comune (e no, l’SSC non vuol dire farlo sicuro al 100% in quanto, anche il sesso “vanilla”, non è sicuro)

Per ovviare a tale ambiguità, specie nel mondo bdsm, si hanno varie fasi, tra cui la negoziazione, dove si comunica cosa va bene o non va bene fare, i limite assoluti e cosa si possa o voglia sperimentare, ma è necessario inserire anche altri due elementi: le safeword, o parole di sicurezza, e le safegesture, ossia i segnali di sicurezza, qualora la bocca fosse occlusa.

Sistemi di sicurezza standard

Nell’ambiente BDSM vi sono metodi ormai standardizzati per concordare parole e gesti di sicurezza, un po’ perché si è visto essere più efficaci nel loro utilizzo, un po’ perché evitano “l’errore del principiante”, ossia, l’improvvisazione che porti ad una ambiguità.

I metodi più comuni per determinare le Safe Word:

  • Parole comiche: concordare una safeword che, una volta pronunciata susciti ilarità è un ottimo modo per interrompere la sessione, e, al contempo, non dare un tono eccessivamente serio a tale interruzione.
  • Cibi: nonostante l’evocazione risulti simile a quella di una parola comica, citare un cibo ha un approccio un po’ più serio, ma non risulta altrettanto brusco.
  • Il metodo del semaforo: questo sistema è leggermente più articolato, e consiste nel citare le parole “verde” per continuare, “giallo” per indicare una situazione vicina al limite e “rosso” per indicare lo stop.

Le safe word per essere più efficaci, devono essere semplici, brevi ed evocative. Sarebbe un bel casino avere una safeword complicata da dire e magari anche lunga. L’evocatività invece serve solo a uscire più velocemente dal gioco.

I metodi più comuni per determinare le Safe Gesture:

  • Sollevare l’anulare: meno ambiguo di sollevare la mano, nel caso di bocca occlusa, indica il desiderio di interrompere. Utilizzato in situazioni in cui tendenzialmente si ha il polso bloccato.
  • Il metodo del tre: equivalente al metodo del semaforo, ma con l’utilizzo delle mani. Tendenzialmente si associa il pollice o un solo dito al continuare, due a ridurre l’intensità, e tre a fermarsi. 
  • Il battito d’occhi: simile ad un linguaggio morse, ed utile in situazioni particolari, per esempio mani non visibili e bocca occlusa. SI concorda ogni serie di battiti d’occhio in modo da esprimere “si”, “no”, “verde”, “giallo” e “rosso”. Questo metodo è poco diffuso

A scelta, si possono combinare tutte le scelte precedenti, mischiando i metodi e riadattandoli, ma è opportuno concordarne sempre almeno due.

Esistono poi pratiche per le quali non c’è ancora una precisa codifica, come ad esempio la mummificazione. In tal caso è bene conoscere la pratica che si va ad affrontare e concordare un sistema di sicurezza.

Salvo in casi molto specifici, arrivare a far dire al* propri* bottom o top, la parola di sicurezza per far cessare immediatamente i giochi, è una sorta di mancanza, in quanto, vuol dire che si è raggiunto il limite del proprio partner tale per cui non c’è una discesa graduale dal proprio ruolo.

A chi ha avuto un po’ di esperienze nel settore del dolore e dell’affaticamento fisico, gli potrebbe essere capitato qualcuno che ride subendo dolore o stress: questo tipo di ambiguità, nota come risata nervosa, è un segnale decisamente ambiguo, poiché trasmette al dominante il segnale che vada tutto bene, mentre il sottomesso sta esprimendo un proprio sfogo emotivo.

Un altro esempio ambiguo è il comportamento dei SAM, acronimo di smart ass masochist, ossia lo sfidare il dominante in modo provocatorio al fine di ricevere dolore: questo comportamento ha un proprio fine, ma non ha un limite definito, per cui, nel momento in cui il masochista arrivi al proprio limite, potrebbe non riuscire a comunicare adeguatamente la propria intenzione a voler concludere.
Questi sono esempi frequenti del perché fissare sistemi di sicurezza verbali e gestuali sia necessario per una sessione.

In conclusione

Le safeword e le safe gesture sono importantissime, per quanto mi riguarda andrebbero messe anche durante la comunicazione di coppia “vanilla”, o la comunicazione in generale.

Purtroppo non si ha sempre la sensibilità di capire i limiti dell’altra persona, talvolta i propri (a volte si può usare la safeword per salvaguardare il partner) e il saper comunicare efficacemente è complicato.

La safeword e safegesture sono necessarie ma non sufficienti a evitare i danni. Quindi non bisogna usare la scusa del “non ha detto la parola di sicurezza quindi ho continuato ad oltranza”, l’errore ci può stare, ma se questo errore capita molto spesso, bisogna farsi un esame di coscienza e capire cosa ci sia che non vada.

Prestate sempre attenzione

Don’t drink and drive. Siate lucidi e comunicativi, evitate le ambiguità. Play safe, stay kinky.

Consiglio d’acquisti

Il primo che vi consigliamo di leggere è:

Violeta Benini, la divulvatrice, divulgatrice sessuale, sex blogger e ostetrica

  • Senza tabù: libro dedicato ai più giovani, ma decisamente adatto anche agli adulti di Violeta Benini, la divulvatrice, divulgatrice sessuale, sex blogger e ostetrica

Jüne Plã, illustratric*, ha creato un libro che ha fatto molto parlare di sè

  • Club Godo. Una cartografia del piacere: il nome dice già tutto, ma molto interessante da leggere, sfogliare, trarre ispirazione di Jüne Plã, illustratric*, ha creato un libro che ha fatto molto parlare di se

Michele Spaccarotella, psicologo e psicoterapeuta, ha creato una interessante guida al piacere digitale, come orientarsi nell’online (e offline)

  • Il piacere digitale: una interessante guida che aiuta a riflettere e interpretare la sessualità di Michele Spaccarotella, psicologo e psicoterapeuta, ha creato una interessante guida al piacere digitale, come orientarsi nell’online (e offline)

Tristan Taormino, divulgatrice, regista di film porno e altro ancora, ha creato una serie di libri molto interessanti, ma qui vi consiglio qualcosina per il di dietro

Morena Nerri, conosciuta anche come le_sex_en_rose, divulgatrice e sexual blogger. Le sue interviste nude sono oramai famose

Dossie Easton, una scrittrice e psicoterapeuta statunitense

Emily Nagoski, direttrice di Educazione al benessere e docente di Sessualità femminile presso lo Smith College

Roberta Rossi, psicoterapeuta e sessuologa

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Stefano | Red Rope

Mi chiamo Steve, ma sono conosciuto anche come Red, voglio divulgare nel mondo la bellezza della sessualità, ho da sempre lavorato in questa direzione, la divulgazione sessuologica è molto importante per me, ma anche per tutti coloro che la vorranno ascoltare.

Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Da quando ho aperto il blog ho trattato in moltissime salse il sesso biologico e identità di genere, ma devo farlo anche in questo articolo dato che è fondamentale per il ragionamento che sto per portare avanti. Sesso Biologico: come siamo fatti biologicamente (maschio, femmina, intersessuali)Identità di genere: come ci sentiamo psicologicamente (maschi, femmina, altro)… Leggi tutto »Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

Premetto che questo articolo nel tempo probabilmente verrà modificato più volte Ma andiamo al fulcro della questione, l’orientamento sessuale l’ho trattato in veramente molti articoli, sia articoli solo sull’orientamento sessuale, sia quando parlavo di bisessualità, asessualità, pansessualità: Ma guardiamo i termini ombrello (termini che al loro interno ne contengono altri) che dell’orientamento sessuale: Eterosessuale: persona… Leggi tutto »Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

differenze tra pene shower e grower

Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Non tutti i peni sono uguali ognuno ha le proprie forme e dimensioni. Quando parliamo di dimensioni possiamo trovare di fatto due macro categorie: Peni Shower: che possiamo tradurlo come “pene che si mostra”, ovvero quella tipologia di pene che da flaccido ha praticamente le stesse dimensioni che da eretto. Peni Grower: che possiamo tradurlo… Leggi tutto »Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Come fare sesso anale senza dolore

Più e più volte abbiamo parlato del concetto di sesso e quanto questo sia difficile definirlo, in questo caso quindi mi limiterò a parlare di penetrazione anale. Mettersi oggetti nel sedere non è considerata una pratica piacevole, per varie motivazioni, ma nei rapporti intimi questa pratica può essere molto divertente e interessante. Ricordiamo e ti… Leggi tutto »Come fare sesso anale senza dolore

John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

J.Money era uno psicologo il quale ha studiato inizialmente psicologia alla Victoria University of Wellington, successivamente prese un doppio master in psicologia e istruzione nel 1944.Money inoltre, era un membro junior della facoltà di psicologiadell’Università di Otago, all’età di 26 anni, andò a studiare negli Stati Uniti all’Istituto psichiatrico dell’Università di Pittsburgh. Dopo un periodo a Pittsburgh la abbandonò per… Leggi tutto »John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.