Recensione Vibratore Popsicle – Il gelato vibrante

Isteria, vibrazioni, coppie e Vibratori

Vi ho già parlato di come venne creato il primo vibratore; serviva, secondo i medici dell’800, per curare l’isteria femminile. Ovviamente non veniva definito “vibratore”, né un macchinario per procurare piacere.

Era un dispositivo in grado di procurare un parossismo (orgasmo), come rimedio a questa malattia, diagnosticata a quasi tutte le donne. 

E per gli uomini ai quali veniva diagnosticato l’isterismo post guerra?

Un bel lavoretto di mano? 

NO. 

Per loro il trattamento erano le scosse elettriche: l’idea era quella di far sparire un trauma facendone venire un altro.

Quando poi il vibratore divenne tale, il suo utilizzo entrò a far parte anche dei rapporti di coppia. 

Tanti purtroppo, sono ancora gli uomini che denigrano le donne che propongono l’utilizzo di toys durante il rapporto sessuale. 

Io amo definirli “fallocentrici”: il loro pene deve essere l’unico protagonista. 

E dov’è che sta scritto?

La paura che un pene artificiale possa oscurare il loro vero è tanta, da non farli rendere conto che l’introduzione di un terzo, può solamente aggiungere e non togliere. 

Certo, un pene artificiale funziona anche dopo aver raggiunto l’orgasmo. 

Un pene artificiale non ha problemi di erezione. 

Un pene artificiale può essere appoggiato, posto, inserito, piegato come si vuole, ma..con un dildo o un vibratore non si può avere una conversazione (anche se a volte è meglio), con un toy non si può andare a mangiare fuori, fare una passeggiata, prendere un caffè, farsi anche delle coccole! 

Insomma, direi che c’è un bel punteggio di parità. 

Perciò uomini, mandate via dalla vostra testa che il vostro pene debba essere l’unico all’interno del vostro rapporto. Godete della vista della partner mentre usa un vibratore e soprattutto, provate nuove e intense sensazioni dall’usarlo insieme a lei

Recensione Vibratore Popsicle

La primavera è iniziata da un mese circa, non so dove abitate voi, ma qui dove sono io, sembra ancora inverno.

Freddo, vento e spesso pioggia. 

Chiediamo quindi alla nostra Susan di indicarci un modo per fingere che sia già estate. 

Come fai? 

“Bentornato pubblico! 

Questa sì che è una bella domanda! Siccome ho trovato una soluzione, ho deciso di condividerla con voi. 

Acquistate un gelato!

Ma non un classico gelato..so che la prova costume si avvicina sempre di più e molte donne, vogliono evitare di mettere su chili di troppo, perciò, se acquistate un gelato che non si mangia, non si scioglie, ma vibra e regala gioie..fidatevi, sarete davvero felici! 

Circa un anno fa vidi per caso questo vibratore, il brand Popsicle ha realizzato questi toys a forma di ghiacciolo in diverse colorazioni: me ne sono innamorata. Avrebbe potuto anche non funzionare, ma era bello, lo volevo solo per quello. 

Il prezzo però era purtroppo abbastanza alto, ho così aspettato fino a che, poco tempo fa, venni a conoscenza del sito 69SHOP.

Dando un’occhiata, scoprì il mio amato gelato ad un ottimo prezzo; acquistato al volo, arrivato a casa il giorno dopo e..che fai, aspetti a provarlo?

Donne, ora ascoltatemi bene: avete mai pianto dalla goduria prima di giungere all’orgasmo?

Questo gelato vi fa provare esattamente questo. 

Ha 10 vibrazioni e quella statica più forte, è talmente potente, che quando avrete finito di utilizzarlo, le vostre dita risulteranno intorpidite! 

Tutto questo utilizzandolo esternamente sulla clitoride, ovviamente potete anche inserirlo in vagina, visto che nasce con quello scopo. 

È lungo 15,5cm e largo 4cm, in silicone anallergico, impermeabile e con cavo usb per ricaricarlo incluso. 

L’ho messo tra i miei quattro Toys preferiti, vi lascio il link che rimanda all’articolo https://redrope.it/i-migliori-sex-toy/

Io lo amo letteralmente, facile da pulire, bello da guardare, fantastico da usare..ma cosa volete di più?”

I sex toys vanno usati con responsabilità. 

Quelli destinati all’uso vaginale non vanno inseriti nell’ano. 

Consigliabile la combo con una buona dose di lubrificante. 

Dopo e prima dell’utilizzo, lavare i Toys con acqua tiepida e sapone intimo o con gli appositi cleaner che trovate in qualsiasi rivenditore fisico o online. 

In commercio ci sono anche disinfettanti spray, per quel tocco finale di sicurezza in più, prima di un nuovo utilizzo.

Toy Cleaner:
We-Vibe Clean 100ml
EXCITE Detergente Disinfettante Igienizzante Antibatterico, no alcol, 100ml (profumato)

Lubrificanti a base acquosa (utilizzabili con preservativo):
Durex Pleasure Gel Feel Lubrificante Intimo, 250ml
Durex Naturals Gel Lubrificante Idratante con Acido Ialuronico, 100 ml – indicato in caso di secchezza vaginale
Durex Naturals Gel Lubrificante Delicato con Aloe Vera, 100 ml – unico lube con aloe vera che mi sento di consigliare
Joydivision Aquaglide Lubrificante Intimo 200ml – il mio preferito
Lubrificante Intimo Lubido Senza Parabeni, 250 ml, Confezione da 2
Easy glide 150ml
ACVIOO Gel Lubrificante a Base D’acqua Naturale Trasparente Senza Parabeni – 240ml

Lubrificanti a Base in Silicone:
Durex Eternal 50ml – Utilizzabile con preservativo
SKYN All Night Long 80ml

Guardare sempre gli elementi contenuti nei vari lube, possono crearsi reazioni allergiche

Buon divertimento, with love Chiara & Susan.

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Susan e Chiara | Toys in pills

Ciao a tutti, mi presento: sono Susan e sono qui per parlarvi di sex toys insieme alla mia coinquilina Chiara, che pensa di essere la mia padrona, ma non sa che in realtà comando io. 
Abbiamo una passione in comune: peni artificiali e tutto ciò che riguarda la sfera sessuale.
Li acquistiamo, li collezioniamo e li recensiamo, così da aiutare chi cerca un consiglio, intrattenere chi è curioso e togliere qualche tabù a chi ancora è dell’idea che un sex toy sia il sostituto di un pene per una ragazza single e triste.

Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Da quando ho aperto il blog ho trattato in moltissime salse il sesso biologico e identità di genere, ma devo farlo anche in questo articolo dato che è fondamentale per il ragionamento che sto per portare avanti. Sesso Biologico: come siamo fatti biologicamente (maschio, femmina, intersessuali)Identità di genere: come ci sentiamo psicologicamente (maschi, femmina, altro)… Leggi tutto »Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

Premetto che questo articolo nel tempo probabilmente verrà modificato più volte Ma andiamo al fulcro della questione, l’orientamento sessuale l’ho trattato in veramente molti articoli, sia articoli solo sull’orientamento sessuale, sia quando parlavo di bisessualità, asessualità, pansessualità: Ma guardiamo i termini ombrello (termini che al loro interno ne contengono altri) che dell’orientamento sessuale: Eterosessuale: persona… Leggi tutto »Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

differenze tra pene shower e grower

Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Non tutti i peni sono uguali ognuno ha le proprie forme e dimensioni. Quando parliamo di dimensioni possiamo trovare di fatto due macro categorie: Peni Shower: che possiamo tradurlo come “pene che si mostra”, ovvero quella tipologia di pene che da flaccido ha praticamente le stesse dimensioni che da eretto. Peni Grower: che possiamo tradurlo… Leggi tutto »Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Come fare sesso anale senza dolore

Più e più volte abbiamo parlato del concetto di sesso e quanto questo sia difficile definirlo, in questo caso quindi mi limiterò a parlare di penetrazione anale. Mettersi oggetti nel sedere non è considerata una pratica piacevole, per varie motivazioni, ma nei rapporti intimi questa pratica può essere molto divertente e interessante. Ricordiamo e ti… Leggi tutto »Come fare sesso anale senza dolore

John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

J.Money era uno psicologo il quale ha studiato inizialmente psicologia alla Victoria University of Wellington, successivamente prese un doppio master in psicologia e istruzione nel 1944.Money inoltre, era un membro junior della facoltà di psicologiadell’Università di Otago, all’età di 26 anni, andò a studiare negli Stati Uniti all’Istituto psichiatrico dell’Università di Pittsburgh. Dopo un periodo a Pittsburgh la abbandonò per… Leggi tutto »John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.