Le Forme del Pene

Pene e testicoli

Gli organi genitali maschili sono esterni e sono costituiti dal pene e dallo scroto contenente i testicoli.

Il pene è composto da tre corpi cilindrici, due corpi cavernosi laterali e uno spugnoso al centro, attraversato dall’uretra: il pene, infatti, oltre all’organo riproduttivo maschile, rappresenta anche l’ultimo tratto delle vie urinarie.

I corpi cavernosi sono formati da tessuto erettile: un tessuto costituito da tanti spazi vascolari che si riempiono di sangue durante la fase dell’eccitazione, provocando l’erezione del pene.

L’estremità del pene si chiama glande, su cui si trova il meato uretrale da cui escono sia lo sperma che l’urina.Il glande è ricoperto da una piega di cute che prende il nome di prepuzio. Il prepuzio è proprio quello che viene asportato durante la circoncisione.

Dal fungo al cetriolo

Il pene ha un aspetto completamente diverso quando è a riposo e quando, invece, è in erezione. A variare sono sia il diametro, la lunghezza, ma anche la forma.

Ci sono peni le cui dimensioni e forme cambiano molto nelle due fasi, ce ne sono altri che rimangono pressoché invariati: queste situazioni sono del tutto normali, tranne nel caso in cui siano presenti complicazioni mediche.

Vediamo le varie forme che si possono trovare, tenendo a mente che ogni persona può avere delle variazioni personali.

Il cetriolo: questa forma la si trova quando la base, il tronco e il glande hanno una grandezza uniforme e il pene si presenta dritto.

Il pene curvo: non esiste la curva che descrive tutti i peni che rientrano in questa categoria, ma variano da persona a persona.

Il platano: la base e la punta di questa tipologia di pene sono strette, mentre il tronco si allarga.

Il cono girato, invece, lo si ha quando la base del pene è larga e va via via assottigliandosi andando verso il glande.

Ultimo, ma non per importanza, la forma a fungo, in cui il glande si presenta particolarmente sviluppato rispetto al tronco, ricordando, appunto, un fungo.

Ogni forma permette di provare e di trasmettere sensazioni diverse, ma c’è da ricordarsi che anche la vulva e la vagina non hanno una sola forma e dimensione, ma varia da individuo a individuo.

Negli spogliatoi, come nella vita

Gli organi genitali maschili sono esterni, i bambini quindi imparano come sia fatto il loro organo sessuale fin da piccoli e lo vedono cambiare col tempo.

Da un lato rappresenta un vantaggio visto che diventa più naturale e più facile, quasi involontario, conoscere quella parte del proprio corpo; le femmine se vogliono vedere com’è fatta la propria vulva, devono farlo attivamente.

C’è anche il rovescio della medaglia: i maschi imparano abbastanza presto che esistono varie forme e dimensioni perché molto spesso sono costretti a un confronto con i propri coetanei, magari negli spogliatoi della palestra.

Proprio per questo confronto, spesso nell’età più critica e di cambiamento, è facile che nascano e si sviluppino sentimenti di inadeguatezza per le proprie dimensioni o le proprie forme. In alcuni casi, se non si affronta l’argomento, possono trascinarsi nel tempo e intaccare l’autostima della persona.

Stessa forma per tutta la vita?

A volte può capitare che la forma del pene cambi, successivamente al normale sviluppo nella fase puberale, ad esempio a causa di un’operazione chirurgica quale la circoncisione.

Può capitare anche che il pene si rompa durante un rapporto e successivamente alla guarigione non ritorni alla forma di partenza.

Durante tutto l’arco della vita anche il pene, esattamente come accade per tutto il resto del corpo, cambia, ma si tratta di modificazioni talmente lente che, come per tutte le altre, ci si rende conto solo molti anni dopo.

Il pene presenta varie forme, diverse e uniche per ogni individuo, ma che possono essere racchiuse in categorie in base alle proporzioni delle varie parti: la base, il tronco e il glande.

Ognuna di queste ha le proprie caratteristiche e i propri punti di forza, ma non esiste una forma migliore dell’altra, l’importante è vivere bene con il proprio corpo.

Conclusione

Il pene, come è una parte del corpo molto sensibile e va trattato bene anche durante la masturbazione non massacratelo troppo, magari utilizzate dei lubrificanti appositi e, nel caso di infiammazioni, contattate un medico. Uno dei pericoli maggiori per i peni non circoincisi è l’insorgenza di fimosi (serrate o non serrate), che possono debilitare la persona nelle pratiche igieniche o sessuali.

Curatevi del vostro pene o di quello del partner, curatevi di voi stess*.

Consigli d’acquisto

NON SONO IN ORDINE DI IMPORTANZA, al massimo in ordine logico (ma neanche quello)

Ayzad è un giornalista, divulgatore e sexual coach, ha un blog dove divulga solo ed esclusivamente sul mondo BDSM. Uno dei massimi esponenti del mondo BDSM, ha creato varie guide che riporterò qui sotto, io consiglio di prenderle sempre tutte, ma ognuna da comunque molti spunti di riflessione

Tristan Taormino, divulgatrice, regista di film porno e altro ancora, ha creato una serie di libri molto interessanti, anche sul bdsm

Davide la Greca, un maestro nell’arte dello shibari:

Toy Cleaner:
We-Vibe Clean 100ml
EXCITE Detergente Disinfettante Igienizzante Antibatterico, no alcol, 100ml (profumato)

Lubrificanti a base acquosa (utilizzabili con preservativo):
Durex Pleasure Gel Feel Lubrificante Intimo, 250ml
Durex Naturals Gel Lubrificante Idratante con Acido Ialuronico, 100 ml – indicato in caso di secchezza vaginale
Durex Naturals Gel Lubrificante Delicato con Aloe Vera, 100 ml – unico lube con aloe vera che mi sento di consigliare
Joydivision Aquaglide Lubrificante Intimo 200ml – il mio preferito
Lubrificante Intimo Lubido Senza Parabeni, 250 ml, Confezione da 2
Easy glide 150ml
ACVIOO Gel Lubrificante a Base D’acqua Naturale Trasparente Senza Parabeni – 240ml

Lubrificanti a Base in Silicone:
Durex Eternal 50ml – Utilizzabile con preservativo
SKYN All Night Long 80ml

Guardare sempre gli elementi contenuti nei vari lube, possono crearsi reazioni allergiche

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Red Rope

Mi chiamo Steve, ma sono conosciuto anche come Red, voglio divulgare nel mondo la bellezza della sessualità, ho da sempre lavorato in questa direzione, la divulgazione sessuologica è molto importante per me, spero di raggiungere il cuore di chiunque mi voglia ascoltare.

[instagram-feed num=3 cols=3 showheader=true showbio=true showbutton=true showfollow=true]

Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

Oramai mesi fa testai il Curvy 1+ della Satisfyer che apprezzai veramente tanto, un ottimo succhia clitoride, al tempo lo misi al confronto con il Satisfyer Pro 2, ma adesso è arrivata un’altra sfida: il Curvy 1+ vs Curvy 2+ (il fratellino maggiore) Il Curvy 2+, è attualmente in promozione fino sul sito di Sexyavenue,… Leggi tutto »Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

La sigla SSC è nata nel 1983, quando David Stein entrò a far parte della associazione GMSMA (Gay Male S/M Activist). Quest’ultima doveva creare la così detta “Dichiarazioni di scopi e di identità”. Citando letteralmente il documento, l’apertura era: GMSMA è un’organizzazione no-profit per maschi gay nell’area di New York City che sono seriamente interessati in… Leggi tutto »BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Ancora una volta in collaborazione con sexyavenue, uno dei più interessanti sexy shop che potete trovare online, oggi sono qui a presentarvi un loro prodotto molto interessante e divertente. Durante l’estate si sa che la cosa principale che si vuole fare è divertirsi, che sia al mare o da altre parti. E quando torniamo a… Leggi tutto »Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Storicamente la parola pansessualità è stata introdotta da Freud nel lontano ma vicino 1917. Questo termine, però, è diventato di uso comune solo di recente, spesso messo in contrapposizione alla parola bisessuale. La pansessualità è un orientamento sessuale facente parte dello spettro del termine ombrello “Bisessuale” e deriva dall’aggettivo greco πας, πάσα, παν, ovvero “tutto”.… Leggi tutto »Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

“Volenti non fit unjuria”  – Ulpiano Se avete già avuto modo di leggere l’articolo sui framework, essi hanno tutti un punto, ben esplicitato, in comune: il consenso. Come abbiamo già accennato nell’articolo precedentemente citato, chi approccia il BDSM dall’esterno e senza una dovuta infarinatura, si ritrova ad avere a che fare con pratiche violente ed… Leggi tutto »Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *