La masturbazione

Chi non ha mai sentito, almeno una volta nella vita, la frase: “Se ti masturbi diventi cieco”?

La masturbazione è una pratica molto spesso mal vista: l’etimologia stessa della parola testimonia la sua origine negativa in quanto è un termine composto da manu (mano) e stuprare (disonorare o violare). Nonostante quest’accezione negativa, nella nostra società la masturbazione è stata in parte sdoganata. La masturbazione maschile è una pratica che viene data quasi per scontata, anche se solo in alcune fasce d’età e gruppi sociali, come gli adolescenti e gli uomini single.

Miti e credenze

Le radici dei pregiudizi sulla masturbazione sono molto antiche: possono essere fatte risalire a Onan, personaggio biblico da cui deriverà anche il termine onanismo.

Onan è presente nel libro della Genesi in cui si racconta di come, secondo la legge del levitato, abbia sposato la vedova e di suo fratello maggiore. Secondo questa usanza il primogenito nato dal matrimonio tra Onan e la moglie sarebbe stato considerato figlio del defunto. Per aggirare questa regola, Onan praticava il coito interrotto e venne punito da Dio con la morte per aver contravvenuto alla sua legge; da qui l’accezione negativa di onanismo.

Tuttavia, la parola onanismo indica questo metodo anticoncezionale e viene usata impropriamente per indicare la masturbazione.

La religione e la Chiesa hanno trovato terreno fertile per far prosperare tabù sulla sessualità e la masturbazione non fa eccezione.

Queste credenze erano alimentate anche dalla scienza medica antica che riteneva che una perdita di liquidi corporei potasse a un indebolimento del corpo stesso. L’autoerotismo, sia maschile che femminile, era comunque un atto di debolezza in quanto comportasse un cedimento ai propri impulsi più bestiali a sfavore della razionalità che avvicinava l’uomo alla figura celeste.

Da queste basi si sono sviluppate le leggende secondo cui la masturbazione faccia diventare impotenti, si possa andare in contro a deformazioni, deperimento fisico o si possano contrarre malattie come la gonorrea.

Masturbarsi fa bene

A differenza delle credenze popolari, la masturbazione porta molteplici benefici sia a livello corporeo, sia a livello mentale.

La masturbazione stimola i centri del piacere del cervello e porta quindi a un rilascio di endorfine, neurotrasmettitori che provocano una sensazione di euforia e benessere. Quest’attività serve a ridurre lo stress, aiuta ad addormentarsi e permette di avere una maggior consapevolezza di sé e una maggior conoscenza del proprio corpo che si traduce anche in un’esperienza migliore con il partner.

Sì, ma con moderazione

La masturbazione, come tutti i comportamenti che stimolano i centri del piacere e provocano, appunto, una scarica di endorfine, può portare a una continua ricerca di stimolazione e quindi a una forma di dipendenza.

A un eccesso nella masturbazione, si collega un uso smodato della pornografia che può incidere negativamente sulla capacità di sviluppare delle fantasie sessuali e concentrandosi principalmente sulla parte fisica dell’atto a scapito di quella mentale, perdendo così una parte del piacere.

Si può arrivare a una masturbazione compulsiva che influisce negativamente sugli altri ambiti della vita, che sia il lavoro, il sesso, la famiglia ecc…

In questo caso, è sempre meglio rivolgersi a uno specialista che possa aiutare a capire da dove derivi il problema e capire come affrontarlo.

Conclusioni

Sebbene i luoghi comuni la vedano come un atto di debolezza, come la causa di molti mali, un’attività da lasciare a chi non può fare altrimenti, la masturbazione ha molti benefici, sia fisiche che mentali, sia per l’individuo, ma anche per la relazione e per la vita sessuale in genere.

Man mano che la società va avanti, diventa un tema sempre più sdoganato e che provoca sempre meno imbarazzo e disagio nell’essere affrontato, sebbene si vedano ancora delle differenze sulla concezione della masturbazione femminile e quella maschile.

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Consigli d’acquisto

NON SONO IN ORDINE DI IMPORTANZA, al massimo in ordine logico (ma neanche quello)

Ayzad è un giornalista, divulgatore e sexual coach, ha un blog dove divulga solo ed esclusivamente sul mondo BDSM. Uno dei massimi esponenti del mondo BDSM, ha creato varie guide che riporterò qui sotto, io consiglio di prenderle sempre tutte, ma ognuna da comunque molti spunti di riflessione

Tristan Taormino, divulgatrice, regista di film porno e altro ancora, ha creato una serie di libri molto interessanti, anche sul bdsm

Davide la Greca, un maestro nell’arte dello shibari:

Toy Cleaner:
We-Vibe Clean 100ml
EXCITE Detergente Disinfettante Igienizzante Antibatterico, no alcol, 100ml (profumato)

Lubrificanti a base acquosa (utilizzabili con preservativo):
Durex Pleasure Gel Feel Lubrificante Intimo, 250ml
Durex Naturals Gel Lubrificante Idratante con Acido Ialuronico, 100 ml – indicato in caso di secchezza vaginale
Durex Naturals Gel Lubrificante Delicato con Aloe Vera, 100 ml – unico lube con aloe vera che mi sento di consigliare
Joydivision Aquaglide Lubrificante Intimo 200ml – il mio preferito
Lubrificante Intimo Lubido Senza Parabeni, 250 ml, Confezione da 2
Easy glide 150ml
ACVIOO Gel Lubrificante a Base D’acqua Naturale Trasparente Senza Parabeni – 240ml

Lubrificanti a Base in Silicone:
Durex Eternal 50ml – Utilizzabile con preservativo
SKYN All Night Long 80ml

Guardare sempre gli elementi contenuti nei vari lube, possono crearsi reazioni allergiche

Stefano | Red Rope

Mi chiamo Steve, ma sono conosciuto anche come Red, voglio divulgare nel mondo la bellezza della sessualità, ho da sempre lavorato in questa direzione, la divulgazione sessuologica è molto importante per me, ma anche per tutti coloro che la vorranno ascoltare.

Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

Oramai mesi fa testai il Curvy 1+ della Satisfyer che apprezzai veramente tanto, un ottimo succhia clitoride, al tempo lo misi al confronto con il Satisfyer Pro 2, ma adesso è arrivata un’altra sfida: il Curvy 1+ vs Curvy 2+ (il fratellino maggiore) Il Curvy 2+, è attualmente in promozione fino sul sito di Sexyavenue,… Leggi tutto »Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

La sigla SSC è nata nel 1983, quando David Stein entrò a far parte della associazione GMSMA (Gay Male S/M Activist). Quest’ultima doveva creare la così detta “Dichiarazioni di scopi e di identità”. Citando letteralmente il documento, l’apertura era: GMSMA è un’organizzazione no-profit per maschi gay nell’area di New York City che sono seriamente interessati in… Leggi tutto »BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Ancora una volta in collaborazione con sexyavenue, uno dei più interessanti sexy shop che potete trovare online, oggi sono qui a presentarvi un loro prodotto molto interessante e divertente. Durante l’estate si sa che la cosa principale che si vuole fare è divertirsi, che sia al mare o da altre parti. E quando torniamo a… Leggi tutto »Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Storicamente la parola pansessualità è stata introdotta da Freud nel lontano ma vicino 1917. Questo termine, però, è diventato di uso comune solo di recente, spesso messo in contrapposizione alla parola bisessuale. La pansessualità è un orientamento sessuale facente parte dello spettro del termine ombrello “Bisessuale” e deriva dall’aggettivo greco πας, πάσα, παν, ovvero “tutto”.… Leggi tutto »Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

“Volenti non fit unjuria”  – Ulpiano Se avete già avuto modo di leggere l’articolo sui framework, essi hanno tutti un punto, ben esplicitato, in comune: il consenso. Come abbiamo già accennato nell’articolo precedentemente citato, chi approccia il BDSM dall’esterno e senza una dovuta infarinatura, si ritrova ad avere a che fare con pratiche violente ed… Leggi tutto »Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *