La Masturbazione Maschile

la masturbazione maschile e come affrontarla

Masturbazione (Maschile) e Cultura

La masturbazione conserva ancora un’accezione negativa dovuta al retaggio culturale che la nostra società si porta ancora dietro, ma quella maschile è stata in buona parte sdoganata e in certi ambiti viene data quasi per scontata, come tra gli adolescenti.

In altri settori di popolazione, invece, viene ancora vista come un’attività quasi illecita. È vero che la frequenza tende a diminuire con l’avanzare dell’età e con l’arrivo dei rapporti sessuali con altre persone, ma gli aspetti positivi ad essa legati rimangono validi anche per tutte le fasce d’età.

I benefici della masturbazione maschile

L’accezione negativa verso la masturbazione la dobbiamo soprattutto alla religione, ma uno dei pregiudizi che hanno favorito questa valutazione negativa verso l’autoerotismo maschile è dovuta alla credenza della medicina antica che l’espulsione di liquidi corporei provocasse un indebolimento del corpo.

La scienza medica negli ultimi decenni ha fatto molti passi avanti e ha escluso questa possibilità: la fuoriuscita di sperma non indebolisce il corpo. Anzi, è stato dimostrato che l’autoerotismo può portare vari benefici sia al singolo, sia alla relazione.

Esattamente come fa il sesso, la masturbazione provoca una scarica di endorfine che hanno un effetto benefico sull’umore e aiutano a diminuire la tensione e lo stress.

Inoltre, è stato visto che può diminuire le probabilità di tumore alla prostata grazie al continuo ricambio di liquido seminale e prostatico.

La masturbazione non causa impotenza; lo sperma non è una risorsa limitata: gli spermatozoi e il plasma seminale vengono prodotti dalla pubertà per tutto l’arco della vita adulta dell’individuo, al contrario degli ovuli femminili.

Masturbarsi porta a una maggior consapevolezza del proprio corpo e dei propri gusti e di conseguenza ad avere la possibilità di comunicare meglio col proprio partner e provare un piacere maggiore anche in un rapporto con altre persone.

L’autoerotismo può anche favorire un maggior controllo di sé e aiutare a risolvere i problemi legati all’eiaculazione precoce.

Spesso si ha la convinzione che se il partner senta la necessità di masturbarsi sia insoddisfatto dei rapporti sessuali col partner.

In questo caso la masturbazione viene vista in maniera sbagliata, come compensazione o sostituto dell’atto sessuale, il partner può sentirsi sminuito e avvilito, ma non è così

L’atto masturbatorio in solitudine deve essere inteso come un momento per prendersi cura di sé stessi, un momento di privacy, di coccola che il singolo dedica esclusivamente a sé stesso e non ha niente a che fare con le attività che fa con il proprio partner o con la propria soddisfazione.

Ovviamente, si può arrivare a comportamenti compulsivi che vanno a compromettere la normale vita dell’individuo, in quel caso è necessario rivolgersi a uno specialista.

La masturbazione e il sesso sono due attività differenti che possono compenetrarsi, ma che possono anche rimanere separati in base alle necessità della persona in quel momento.

Le pratiche masturbatorie, quando non vengono viste in maniera avversa, ma come un’aggiunta al sesso, possono portare benefici anche alla coppia. I partner che praticano l’autoerotismo si conosceranno meglio e potranno comunicare al partner le proprie preferenze, la masturbazione può diventare anche un elemento che arricchisce il rapporto, andando a stimolare sé stessi e il partner sia dal punto di vista fisico, ma anche da quello fantasioso e mentale.
Sebbene la masturbazione maschile in parte sia stata sdoganata, conserva ancora un’accezione negativa, quando invece è un’attività piacevole e con molti benefici fisici e mentali che possono riguardare sia il singolo, nel rapporto con sé stesso e con la propria sessualità, ma anche nella coppia creando le condizioni per cui si ci possa divertire insieme perché si può stare bene anche da soli.

Conclusione

La masturbazione è sempre stato un tabù, per le donne soprattutto, ma anche gli uomini si trovano davanti a stereotipi e pregiudizi. In una società che rende stoici gli uomini, dove ci si aspetta molto da loro, che è estremamente basata sul concetto di prestazione (anche a letto). Può portare ad avere problemi in camera da letto.. anche da soli. Ma masturbarsi fa bene ed è divertente (magari usando anche qualche Toy), godersi questo piccolo atto è una cosa bellissima e fondamentale (circa, se non ti piace non farlo, ma se lo fai goditi l’attimo).

Toy Cleaner:
We-Vibe Clean 100ml
EXCITE Detergente Disinfettante Igienizzante Antibatterico, no alcol, 100ml (profumato)

Lubrificanti a base acquosa (utilizzabili con preservativo):
Durex Pleasure Gel Feel Lubrificante Intimo, 250ml
Durex Naturals Gel Lubrificante Idratante con Acido Ialuronico, 100 ml – indicato in caso di secchezza vaginale
Durex Naturals Gel Lubrificante Delicato con Aloe Vera, 100 ml – unico lube con aloe vera che mi sento di consigliare
Joydivision Aquaglide Lubrificante Intimo 200ml – il mio preferito
Lubrificante Intimo Lubido Senza Parabeni, 250 ml, Confezione da 2
Easy glide 150ml
ACVIOO Gel Lubrificante a Base D’acqua Naturale Trasparente Senza Parabeni – 240ml

Lubrificanti a Base in Silicone:
Durex Eternal 50ml – Utilizzabile con preservativo
SKYN All Night Long 80ml

Guardare sempre gli elementi contenuti nei vari lube, possono crearsi reazioni allergiche

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Red Rope

Mi chiamo Steve, ma sono conosciuto anche come Red, voglio divulgare nel mondo la bellezza della sessualità, ho da sempre lavorato in questa direzione, la divulgazione sessuologica è molto importante per me, spero di raggiungere il cuore di chiunque mi voglia ascoltare.

[instagram-feed num=3 cols=3 showheader=true showbio=true showbutton=true showfollow=true]

Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Da quando ho aperto il blog ho trattato in moltissime salse il sesso biologico e identità di genere, ma devo farlo anche in questo articolo dato che è fondamentale per il ragionamento che sto per portare avanti. Sesso Biologico: come siamo fatti biologicamente (maschio, femmina, intersessuali)Identità di genere: come ci sentiamo psicologicamente (maschi, femmina, altro)… Leggi tutto »Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

Premetto che questo articolo nel tempo probabilmente verrà modificato più volte Ma andiamo al fulcro della questione, l’orientamento sessuale l’ho trattato in veramente molti articoli, sia articoli solo sull’orientamento sessuale, sia quando parlavo di bisessualità, asessualità, pansessualità: Ma guardiamo i termini ombrello (termini che al loro interno ne contengono altri) che dell’orientamento sessuale: Eterosessuale: persona… Leggi tutto »Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

differenze tra pene shower e grower

Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Non tutti i peni sono uguali ognuno ha le proprie forme e dimensioni. Quando parliamo di dimensioni possiamo trovare di fatto due macro categorie: Peni Shower: che possiamo tradurlo come “pene che si mostra”, ovvero quella tipologia di pene che da flaccido ha praticamente le stesse dimensioni che da eretto. Peni Grower: che possiamo tradurlo… Leggi tutto »Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Come fare sesso anale senza dolore

Più e più volte abbiamo parlato del concetto di sesso e quanto questo sia difficile definirlo, in questo caso quindi mi limiterò a parlare di penetrazione anale. Mettersi oggetti nel sedere non è considerata una pratica piacevole, per varie motivazioni, ma nei rapporti intimi questa pratica può essere molto divertente e interessante. Ricordiamo e ti… Leggi tutto »Come fare sesso anale senza dolore

John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

J.Money era uno psicologo il quale ha studiato inizialmente psicologia alla Victoria University of Wellington, successivamente prese un doppio master in psicologia e istruzione nel 1944.Money inoltre, era un membro junior della facoltà di psicologiadell’Università di Otago, all’età di 26 anni, andò a studiare negli Stati Uniti all’Istituto psichiatrico dell’Università di Pittsburgh. Dopo un periodo a Pittsburgh la abbandonò per… Leggi tutto »John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.