Il BDSM

il bdsm significato acronimo

Che cos’è il Bdsm?

Un termine che incuriosisce e spaventa: il BDSM, è un tabù sociale in tutto il mondo. Non importa da dove tu venga o quale  passato culturale il tuo Paese abbia, non puoi che concordare con la frase precedente.  

Considerato deviante, perverso, malato dalla moltitudine, molto più malato che ripetere sempre le stesse noiose azioni  una volta entrati nella propria camera da letto, l’insieme delle pratiche inserite nel contesto BDSM sicuramente  fuoriescono dalla definizione di “normale” per qualsiasi società.  

Viene infatti definito come “deviazione” in quanto è deviazione “tutto ciò che si discosta dalle norme socialmente accettate”, ma le norme sono costituite da troppe variabili per definire la propria sessualità come normale: la nostra sessualità è definita e sviluppata in  maniera fluida, del tutto individuale. 

Definizioni e riflessioni sul bdsm

Proviamo a dare una definizione di BDSM: 

Ogni attività di tipo sessuale ed erotico che coinvolga pratiche riguardanti imposizione di limitazioni fisiche temporanee, l’infliggere o subire dolore, la rinuncia del controllo da parte di una delle persone coinvolte, con la corrispettiva assunzione di potere di un’altra.

Questa definizione è eccessivamente scolastica, per cui diamole un pizzico di carattere: il BDSM si riferisce a una  gamma di preferenze sessuali ed erotiche genericamente collegate a controllo e sottomissione, di tipo fisico o psicologico, talvolta implicanti  dolore, con espressione di consenso a priori di tutte le parti coinvolte. E’ necessario evidenziare che non esiste un’interpretazione univoca di BDSM, per cui ne esistono di varie. L’acronimo “BDSM” è comunemente accettato come l’abbreviazione di tre macro-categorie di pratiche, esplicitamente consensuali. In ogni pratica, possiamo distinguere un ruolo attivo ed un ruolo passivo, definiti top e bottom. Per incompletezza della nostra lingua, adotteremo il maschile come genere neutro per elencare i ruoli nei tre sottoinsiemi, specificando che i ruoli sono spesso intercambiabili.

L’acronimo Bdsm

Le tre macro-categorie dell’acronimo Bdsm sono:

  • Bondage e Discipline (B&D):

    servilismo e disciplina, è l’insieme di pratiche consistenti l’utilizzo di costrizioni e  limitazioni mentali, basato sullo scambio di potere tra le due parti, dove il bottom si pone l’obiettivo di sottostare al  controllo del top. Il termine “bondage” deriva dall’arcaismo “bond”, che indicava la condizione “contrattuale” dei servi della gleba (e curiosamente anche dei mariti) del tredicesimo secolo. Un esempio di pratica è la servitude (pratica in cui il bottom si pone l’obiettivo di adempiere a compiti affidatigli dal top).
  • Dominazione e Sottomissione (D&S):

    domination and submission. Le pratiche, stavolta, sono di coinvolgimento fisico, e lo scambio di potere implica la costrizione o limitazione fisica da parte del top sul bottom. Un esempio di pratica è il  kinbaku (lett. legare stretto. Pratica in cui il top lega il bottom tramite l’utilizzo di corde. La versione più conosciuta è lo  shibari, pratica che cura più l’estetica della legatura che la sua funzionalità).
  • Sadismo e Masochismo (S&M):

    sadismo e masochismo. Quelle rientranti in questa categoria sono tutte le pratiche  riguardanti il piacere di infliggere (per il top, sadista) o ricevere (per il bottom, masochista) dolore fisico o umiliazione. Un esempio classico è lo spanking (pratica in cui il top sculaccia il bottom fino a lasciare evidenti segni fisici temporanei),  o la fustigazione (fustigation o flogging, pratica in cui il top colpisce il bottom con strumentazione dotata di corto raggio).

Spesso una pratica coinvolge più macro-categorie; ad una distinzione così sfumata ed arbitraria, si preferisce utilizzare il termine ombrello bondage, inteso però come costrizione e sottomissione.

Conclusioni

Evitate strettamente Wikipedia, se siete alla ricerca di ulteriori informazioni. Il motivo? Gli articoli sono scritti in modo scolastico ed incompleto. Inoltre, un gran numero di persone si impegna in pratiche simili al BDSM senza realmente saperlo, il che non impedisce loro di avere, spesso, pregiudizi negativi contro il BDSM perché non sanno davvero cosa sia
Il nostro obiettivo è fornirvi uno strumento per comprendere meglio, non una verità assoluta. L’unico consiglio che ci sentiamo di darvi è di non smetter mai di esplorare la vostra sessualità.

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Consiglio d’acquisti

Il primo che vi consigliamo di leggere è:

Violeta Benini, la divulvatrice, divulgatrice sessuale, sex blogger e ostetrica

  • Senza tabù: libro dedicato ai più giovani, ma decisamente adatto anche agli adulti di Violeta Benini, la divulvatrice, divulgatrice sessuale, sex blogger e ostetrica

Jüne Plã, illustratric*, ha creato un libro che ha fatto molto parlare di sè

  • Club Godo. Una cartografia del piacere: il nome dice già tutto, ma molto interessante da leggere, sfogliare, trarre ispirazione di Jüne Plã, illustratric*, ha creato un libro che ha fatto molto parlare di se

Michele Spaccarotella, psicologo e psicoterapeuta, ha creato una interessante guida al piacere digitale, come orientarsi nell’online (e offline)

  • Il piacere digitale: una interessante guida che aiuta a riflettere e interpretare la sessualità di Michele Spaccarotella, psicologo e psicoterapeuta, ha creato una interessante guida al piacere digitale, come orientarsi nell’online (e offline)

Tristan Taormino, divulgatrice, regista di film porno e altro ancora, ha creato una serie di libri molto interessanti, ma qui vi consiglio qualcosina per il di dietro

Morena Nerri, conosciuta anche come le_sex_en_rose, divulgatrice e sexual blogger. Le sue interviste nude sono oramai famose

Dossie Easton, una scrittrice e psicoterapeuta statunitense

Emily Nagoski, direttrice di Educazione al benessere e docente di Sessualità femminile presso lo Smith College

Roberta Rossi, psicoterapeuta e sessuologa

Alessio Campolongo

Nasce a Cagliari, nel 1992. Sostenitore dei diritti sulla libertà sessuale, attivista nell’ambiente dell’associazionismo LGBT dal 2017 e nell’associazionismo kink dal 2018, opera dal 2017 come ascoltatore nel sostegno di studentə per lo sportello UnicAscolta, su tematiche relative a blocchi di studio e discriminazioni o stereotipi basati sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulle parafilie. Si occupa dell’organizzazione degli incontri del The Next Generation di Cagliari, di cui è moderatore e responsabile.

Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

Oramai mesi fa testai il Curvy 1+ della Satisfyer che apprezzai veramente tanto, un ottimo succhia clitoride, al tempo lo misi al confronto con il Satisfyer Pro 2, ma adesso è arrivata un’altra sfida: il Curvy 1+ vs Curvy 2+ (il fratellino maggiore) Il Curvy 2+, è attualmente in promozione fino sul sito di Sexyavenue,… Leggi tutto »Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

La sigla SSC è nata nel 1983, quando David Stein entrò a far parte della associazione GMSMA (Gay Male S/M Activist). Quest’ultima doveva creare la così detta “Dichiarazioni di scopi e di identità”. Citando letteralmente il documento, l’apertura era: GMSMA è un’organizzazione no-profit per maschi gay nell’area di New York City che sono seriamente interessati in… Leggi tutto »BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Ancora una volta in collaborazione con sexyavenue, uno dei più interessanti sexy shop che potete trovare online, oggi sono qui a presentarvi un loro prodotto molto interessante e divertente. Durante l’estate si sa che la cosa principale che si vuole fare è divertirsi, che sia al mare o da altre parti. E quando torniamo a… Leggi tutto »Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Storicamente la parola pansessualità è stata introdotta da Freud nel lontano ma vicino 1917. Questo termine, però, è diventato di uso comune solo di recente, spesso messo in contrapposizione alla parola bisessuale. La pansessualità è un orientamento sessuale facente parte dello spettro del termine ombrello “Bisessuale” e deriva dall’aggettivo greco πας, πάσα, παν, ovvero “tutto”.… Leggi tutto »Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

“Volenti non fit unjuria”  – Ulpiano Se avete già avuto modo di leggere l’articolo sui framework, essi hanno tutti un punto, ben esplicitato, in comune: il consenso. Come abbiamo già accennato nell’articolo precedentemente citato, chi approccia il BDSM dall’esterno e senza una dovuta infarinatura, si ritrova ad avere a che fare con pratiche violente ed… Leggi tutto »Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *