Recensione Pro G Spot Satisfyer | Red Rope

Pro g spot satisfyer

Rabbit Vs Succhiaclitoride

Avete mai immaginato di unire due animali totalmente diversi tra loro e pensare a cosa ne potesse uscire?

Prendiamo un tenero coniglietto, un dolcissimo pinguino e fondiamoli insieme. Un “pinguiglio”? O un “conguino”? 

Ve lo dico io. 

Ne uscirà un Pro G Spot! 

Il brand Satisfyer, ha deciso di creare questo ibrido e ci è riuscito molto bene! Analizziamo un vibratore Rabbit: annata 1980 circa, provenienza Giappone.

Al tempo un sex toy unico nel suo genere, capace di provocare un doppio piacere; la parte interna da inserire in vagina, adatta alla stimolazione delle pareti e del punto G, la parte esterna da appoggiare alla clitoride, per farla godere a ritmo di diverse vibrazioni. 

Diventato popolare grazie ad una apparizione su Sex and the City.

(link all’articolo dove ve ne parlo: https://redrope.it/recensione-magic-hearts-rabbit/

Analizziamo ora un succhiaclitoride: anno 2014, provenienza Germania. 

Un dispositivo creato con l’obiettivo di aiutare le donne a raggiungere facilmente l’orgasmo, anche quelle che trovano tanta difficoltà e fanno colazione con caffè e “non so come sia avere un orgasmo”.. e ci riesce signore, ce la fa con estrema naturalezza e facilità! 

(link all’articolo dove ne parlo: https://redrope.it/recensione-satisfyer-pro-penguin-un-pinguino-per-amico/

Insomma, parliamo di due sex toys molto diversi tra loro, ma decisamente interessanti! 

Il rabbit è amato da chi si approccia al mondo dei Toys, ha sempre sempre forme accattivanti, non troppo realistiche e il nome Rabbit, cioè coniglio, fa pensare inevitabilmente ad un animaletto carino e coccoloso. 

Il succhiaclitoride ha questo nome che, al contrario, potrebbe spaventare un po’..ma una volta compreso il meccanismo e capito che niente succhierà nulla, arriverà la curiosità nel provarlo, per poi passare all’adorazione più totale! 

Quello che ho io, nello specifico il Pro Penguin, ha la forma di un pinguino con il papillon, 11 intensità di suzione, 60 secondi e un orgasmo assicurato. 

Quando un brand sempre sul pezzo come Satisfyer, decide di dare vita ad un sex toy super, nasce il Pro G Spot! 

Ma ve lo faccio recensire da Susan, che è più felice di me di parlarvene, visto quanto lo adora. 

Vai coinquilina, la linea passa a te!

Recensione Pro G Spot

“Oh si gente, oggi sono super felice di parlarvi di questo sex toy, perché letteralmente lo amo! 

E tutto ciò è abbastanza strano, visto che non sono una fan sfegatata della penetrazione, come ormai ben sapete. 

Ma quanto tempo fa era arrivato a casa, avevo fin da subito provato simpatia per questo Rabbit 2.0, come lo chiamo io. Sapete quando a pelle, qualcosa o qualcuno vi piace, nonostante non ne sapete niente?

Ecco, con il Pro G Spot è stato esattamente così! 

Sarà che il materiale (silicone medicale) è così liscio da accarezzare.. 

Sarà che ci sono tre modalità di utilizzo.. Sara che c’è un succhiaclitoride.. 

Non saprei dirvi, ma appena l’ho provato, ne sono rimasto entusiasta! 

La parte che va inserita in vagina, ha una curvatura tale che il vostro punto G, riceverà una tra le 10 modalità di vibrazione e sicuramente vi dirà “grazie” nel migliore dei modi..Quale?

Un orgasmo no?!?! 

Ovvio, parlo per quelle donne che, al contrario mio, hanno un punto G sveglio e pimpante. 

La parte che va a poggiare sulla clitoride, ha 11 intensità di suzione; quante volte vi ho detto del mio amore sfegatato per il succhiaclitoride? 

Ecco, ora avete a disposizione due potenti stimolazioni da usare contemporaneamente o separatamente, grazie ai due motori divisi. 

In ultimo, potete anche utilizzare la parte vibrante per stimolare la clitoride, per questo dico che ha tre funzioni in uno. 

Il toy è lungo in totale 22,5cm e il suo diametro oscilla tra 2,8cm e 3,5cm, si ricarica tramite cavo USB in dotazione si pulisce in modo estremamente facile. 

Donne davvero, non sto scherzando, vi regalerà degli orgasmi stupendi, fidatevi di me e non lasciatevelo sfuggire! 

Io l’ho acquistato su My Secret Case, ma lo trovate in tutti gli shop!

I sex toys vanno usati con responsabilità. 

Quelli destinati all’uso vaginale non vanno inseriti nell’ano. 

Consigliabile la combo con una buona dose di lubrificante. 

Dopo e prima dell’utilizzo, lavare i Toys con acqua tiepida e sapone intimo o con gli appositi cleaner che trovate in qualsiasi rivenditore fisico o online. 

In commercio ci sono anche disinfettanti spray, per quel tocco finale di sicurezza in più, prima di un nuovo utilizzo.

Toy Cleaner:
We-Vibe Clean 100ml
EXCITE Detergente Disinfettante Igienizzante Antibatterico, no alcol, 100ml (profumato)

Lubrificanti a base acquosa (utilizzabili con preservativo):
Durex Pleasure Gel Feel Lubrificante Intimo, 250ml
Durex Naturals Gel Lubrificante Idratante con Acido Ialuronico, 100 ml – indicato in caso di secchezza vaginale
Durex Naturals Gel Lubrificante Delicato con Aloe Vera, 100 ml – unico lube con aloe vera che mi sento di consigliare
Joydivision Aquaglide Lubrificante Intimo 200ml – il mio preferito
Lubrificante Intimo Lubido Senza Parabeni, 250 ml, Confezione da 2
Easy glide 150ml
ACVIOO Gel Lubrificante a Base D’acqua Naturale Trasparente Senza Parabeni – 240ml

Lubrificanti a Base in Silicone:
Durex Eternal 50ml – Utilizzabile con preservativo
SKYN All Night Long 80ml

Guardare sempre gli elementi contenuti nei vari lube, possono crearsi reazioni allergiche

Buon divertimento, with love Chiara & Susan.

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Susan e Chiara | Toys in pills

Ciao a tutti, mi presento: sono Susan e sono qui per parlarvi di sex toys insieme alla mia coinquilina Chiara, che pensa di essere la mia padrona, ma non sa che in realtà comando io. 
Abbiamo una passione in comune: peni artificiali e tutto ciò che riguarda la sfera sessuale.
Li acquistiamo, li collezioniamo e li recensiamo, così da aiutare chi cerca un consiglio, intrattenere chi è curioso e togliere qualche tabù a chi ancora è dell’idea che un sex toy sia il sostituto di un pene per una ragazza single e triste.

Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Da quando ho aperto il blog ho trattato in moltissime salse il sesso biologico e identità di genere, ma devo farlo anche in questo articolo dato che è fondamentale per il ragionamento che sto per portare avanti. Sesso Biologico: come siamo fatti biologicamente (maschio, femmina, intersessuali)Identità di genere: come ci sentiamo psicologicamente (maschi, femmina, altro)… Leggi tutto »Persone Intersessuali e Identità di genere | Red Rope

Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

Premetto che questo articolo nel tempo probabilmente verrà modificato più volte Ma andiamo al fulcro della questione, l’orientamento sessuale l’ho trattato in veramente molti articoli, sia articoli solo sull’orientamento sessuale, sia quando parlavo di bisessualità, asessualità, pansessualità: Ma guardiamo i termini ombrello (termini che al loro interno ne contengono altri) che dell’orientamento sessuale: Eterosessuale: persona… Leggi tutto »Qual è l’orientamento sessuale se si è attratti dalle persone trans? | Red Rope

differenze tra pene shower e grower

Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Non tutti i peni sono uguali ognuno ha le proprie forme e dimensioni. Quando parliamo di dimensioni possiamo trovare di fatto due macro categorie: Peni Shower: che possiamo tradurlo come “pene che si mostra”, ovvero quella tipologia di pene che da flaccido ha praticamente le stesse dimensioni che da eretto. Peni Grower: che possiamo tradurlo… Leggi tutto »Pene Shower e Grower, qual è il tuo?

Come fare sesso anale senza dolore

Più e più volte abbiamo parlato del concetto di sesso e quanto questo sia difficile definirlo, in questo caso quindi mi limiterò a parlare di penetrazione anale. Mettersi oggetti nel sedere non è considerata una pratica piacevole, per varie motivazioni, ma nei rapporti intimi questa pratica può essere molto divertente e interessante. Ricordiamo e ti… Leggi tutto »Come fare sesso anale senza dolore

John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

J.Money era uno psicologo il quale ha studiato inizialmente psicologia alla Victoria University of Wellington, successivamente prese un doppio master in psicologia e istruzione nel 1944.Money inoltre, era un membro junior della facoltà di psicologiadell’Università di Otago, all’età di 26 anni, andò a studiare negli Stati Uniti all’Istituto psichiatrico dell’Università di Pittsburgh. Dopo un periodo a Pittsburgh la abbandonò per… Leggi tutto »John Money e l’identità di genere: l’esperimento che portò ai gender study | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.