Orgasmo e Eiaculazione maschile

Orgasmo maschile e iaculazione, come raggiungere

La fase dell’eccitazione

Ogni persona vive il momento dell’orgasmo in maniera differente; a influenzare questo momento ci sono vari fattori, tra cui il sesso, l’età e lo status mentale.

Prima di questo momento di massimo piacere abbiamo la fase dell’eccitamento, caratterizzata per l’uomo dall’aumento del battito cardiaco e da una maggiore affluenza del sangue nelle zone genitali: la sacca scrotale si solleva, mentre si va incontro all’ingrossamento e all’indurimento del pene, ovvero si ha l’erezione. Con l’aumentare dell’eccitazione, aumentano anche le dimensioni del pene, dello scroto e della prostata e la loro sensibilità. L’eccitazione può nascere sia da fantasie mentali che da stimoli esterni. Un uso sempre maggiore della pornografia può portare a una maggiore difficoltà ad eccitarsi mentalmente e a un bisogno sempre maggiore di stimoli fisici.

L’eiaculazione

Il momento dell’orgasmo, per ovvie ragioni, si manifesta in maniera differente nei maschi e nelle femmine: andiamo a vedere che cosa accade negli uomini.

Durante l’orgasmo vi è un rilascio della tensione sessuale accumulata: si tratta di un momento di soddisfazione psico-fisica molto elevata che, in genere, coincide con l’eiaculazione, ovvero l’espulsione di sperma dopo la stimolazione erogena, preceduta da una sensazione chiamata inevitabilità dell’eiaculazione.

In realtà si può arrivare all’orgasmo senza eiaculazione e viceversa.

Dopo il climax del piacere si ha un rilassamento generale e, se l’orgasmo ha portato all’eiaculazione, il pene perde l’erezione.

Inizia così il periodo refrattario, ovvero il periodo di tempo in cui è difficile raggiungere una nuova erezione. Spesso, in questo momento, i genitali risultano molto sensibili alla stimolazione.

Nel caso in cui non ci sia stata l’eiaculazione, durante l’orgasmo ci saranno delle contrazioni del pene, seguite da una fase di rilassamento, mentre l’erezione viene mantenuta, ma con una parziale perdita del desiderio.

Sebbene la sessualità negli uomini sia vissuta in maniera più fisica rispetto alle donne, anche per loro la componente mentale è fondamentale.

Un accordo tra la parte fisica dell’atto, le fantasie e i pensieri porta a una sensazione di piacere più intensa.

Pene, testicoli e… prostata!

Una delle differenze fondamentali tra gli uomini e le donne è, ovviamente, la forma dei loro genitali, ma anche la posizione. Gli organi genitali maschili, pene e testicoli, sono posti all’esterno del corpo.

Si dà quasi per scontato che per il raggiungimento dell’orgasmo ciò che vada stimolato siano appunto gli organi genitali: ciò è vero, ma non solo.

Ci sono vari punti erogeni sparsi per tutto il corpo, sia negli uomini che nelle donne, più o meno legati alla sessualità.

In particolare, negli uomini esiste una ghiandola molto sensibile: la prostata.

Si tratta del punto più sensibile che permette di arrivare a un orgasmo più intenso, ma si può raggiungere solo attraverso l’ano e per questo molti uomini non vogliono neanche sentirne parlare. Ci sono ancora molti stereotipi sulla penetrazione anale e alcuni uomini possono sentirsi sminuiti o escludono questa pratica a priori perché “da gay”. In realtà, i gusti e le preferenze sessuali non sono collegati al proprio orientamento sessuale e l’anatomia umana è uguale sia negli etero che negli omosessuali, quindi anche un uomo etero può provare i piaceri della stimolazione prostatica.

I disturbi dell’orgasmo maschile

Si parla di disturbi dell’orgasmo quando la risposta agli stimoli sessuali non presenta problemi, così come la possibilità di raggiungere e mantenere l’erezione, ma senza arrivare all’orgasmo vero e proprio.

La fase orgasmica non viene raggiunta nonostante si provi un normale desiderio e si abbia una stimolazione sufficiente a scatenare l’orgasmo.

È comune che l’anorgasmia avvenga nel momento del coito, ma sia assente durante la masturbazione, segno che una parte del problema può essere ricondotto all’ansia da prestazione che è assente nell’autoerotismo.

Le cause dell’anorgasmia maschile possono essere tante, tra cui la presenza di malattie cardio-vascolari e l’uso di farmaci. La componente psicologica, però, è fondamentale: anche un’educazione familiare rigida può inficiare la vita sessuale dell’individuo.

L’ansia può presentarsi in varie forme: oltre alla preoccupazione per la prestazione può essere legata ad altri fattori, come il desiderio compulsivo di compiacere il partner e quindi perdere parte del piacere dell’atto stesso; la decisione di procreare; problematiche all’interno della coppia che possono inficiare sul raggiungimento dell’orgasmo.

L’incapacità di raggiungere l’orgasmo può provocare frustrazione e aggravare l’ansia, visto che le capacità sessuali influenzano la percezione di sé dell’individuo.

Il raggiungimento dell’orgasmo da parte dell’uomo, visto come il momento dell’eiaculazione, è dato quasi per scontato: un evento che avviene sempre durante il rapporto, quasi come se fosse il fine stesso del rapporto.

In realtà, anche gli uomini possono non raggiungerlo o raggiungerlo senza per forza eiaculare e continuare il rapporto, come accade per le donne. Inoltre, sebbene venga visto come mero atto fisico, ancora una volta la componente psicologica e mentale è fondamentale sia per il raggiungimento dell’orgasmo, sia per la quantità di piacere che esso può provocare.

Conclusione

L’orgasmo è fortemente condizionato da fattori emotivi e psicologici. Che tu sia maschio, femmina o altro, sarai sempre sottopost* a pregiudizi e stereotipi, i quali possono influire, anche fortemente, sul tuo piacere sessuale. Conoscere questo elemento può aiutare ad avere controllo sulla propria sessualità, conoscere se stessi è un passo fondamentale da compiere per raggiungere il massimo piacere sessuale.

Ovviamente con l’eiaculazione se avvenuta in vagina o sulla vulva, vi è la possibilità di avere gravidanze indesiderate. Per prevenire ciò, bisogna usare metodi contraccettivi, l’unico che può prevenire le Malattie sessuali è il preservativo.

Consigli d’acquisto

NON SONO IN ORDINE DI IMPORTANZA, al massimo in ordine logico (ma neanche quello)

Ayzad è un giornalista, divulgatore e sexual coach, ha un blog dove divulga solo ed esclusivamente sul mondo BDSM. Uno dei massimi esponenti del mondo BDSM, ha creato varie guide che riporterò qui sotto, io consiglio di prenderle sempre tutte, ma ognuna da comunque molti spunti di riflessione

Tristan Taormino, divulgatrice, regista di film porno e altro ancora, ha creato una serie di libri molto interessanti, anche sul bdsm

Davide la Greca, un maestro nell’arte dello shibari:

Toy Cleaner:
We-Vibe Clean 100ml
EXCITE Detergente Disinfettante Igienizzante Antibatterico, no alcol, 100ml (profumato)

Lubrificanti a base acquosa (utilizzabili con preservativo):
Durex Pleasure Gel Feel Lubrificante Intimo, 250ml
Durex Naturals Gel Lubrificante Idratante con Acido Ialuronico, 100 ml – indicato in caso di secchezza vaginale
Durex Naturals Gel Lubrificante Delicato con Aloe Vera, 100 ml – unico lube con aloe vera che mi sento di consigliare
Joydivision Aquaglide Lubrificante Intimo 200ml – il mio preferito
Lubrificante Intimo Lubido Senza Parabeni, 250 ml, Confezione da 2
Easy glide 150ml
ACVIOO Gel Lubrificante a Base D’acqua Naturale Trasparente Senza Parabeni – 240ml

Lubrificanti a Base in Silicone:
Durex Eternal 50ml – Utilizzabile con preservativo
SKYN All Night Long 80ml

Guardare sempre gli elementi contenuti nei vari lube, possono crearsi reazioni allergiche

Iscriviti alla Newsletter!
Rimani aggiornato sugli ultimi articoli!

Se non vedi la mail di iscrizione, controlla nella casella di spam

Stefano | Red Rope

Mi chiamo Steve, ma sono conosciuto anche come Red, voglio divulgare nel mondo la bellezza della sessualità, ho da sempre lavorato in questa direzione, la divulgazione sessuologica è molto importante per me, ma anche per tutti coloro che la vorranno ascoltare.

[instagram-feed num=3 cols=3 showheader=true showbio=true showbutton=true showfollow=true]

Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

Oramai mesi fa testai il Curvy 1+ della Satisfyer che apprezzai veramente tanto, un ottimo succhia clitoride, al tempo lo misi al confronto con il Satisfyer Pro 2, ma adesso è arrivata un’altra sfida: il Curvy 1+ vs Curvy 2+ (il fratellino maggiore) Il Curvy 2+, è attualmente in promozione fino sul sito di Sexyavenue,… Leggi tutto »Recensione Curvy 1+ vs Curvy 2+ | Red Rope

BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

La sigla SSC è nata nel 1983, quando David Stein entrò a far parte della associazione GMSMA (Gay Male S/M Activist). Quest’ultima doveva creare la così detta “Dichiarazioni di scopi e di identità”. Citando letteralmente il documento, l’apertura era: GMSMA è un’organizzazione no-profit per maschi gay nell’area di New York City che sono seriamente interessati in… Leggi tutto »BDSM e Framework SSC: il suo reale significato | Red Rope

Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Ancora una volta in collaborazione con sexyavenue, uno dei più interessanti sexy shop che potete trovare online, oggi sono qui a presentarvi un loro prodotto molto interessante e divertente. Durante l’estate si sa che la cosa principale che si vuole fare è divertirsi, che sia al mare o da altre parti. E quando torniamo a… Leggi tutto »Recensione Vibratore PoPSicle – il gelato vibrante | Red Rope

Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Storicamente la parola pansessualità è stata introdotta da Freud nel lontano ma vicino 1917. Questo termine, però, è diventato di uso comune solo di recente, spesso messo in contrapposizione alla parola bisessuale. La pansessualità è un orientamento sessuale facente parte dello spettro del termine ombrello “Bisessuale” e deriva dall’aggettivo greco πας, πάσα, παν, ovvero “tutto”.… Leggi tutto »Bisessualità e Pansessualità: differenze e punti in comune | Red Rope

Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

“Volenti non fit unjuria”  – Ulpiano Se avete già avuto modo di leggere l’articolo sui framework, essi hanno tutti un punto, ben esplicitato, in comune: il consenso. Come abbiamo già accennato nell’articolo precedentemente citato, chi approccia il BDSM dall’esterno e senza una dovuta infarinatura, si ritrova ad avere a che fare con pratiche violente ed… Leggi tutto »Quando si può parlare di consenso? | Red Rope

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *